venerdì 22 marzo 2013

Branzino farcito con cipolle rosse e aglio accompagna un'insalatina di finocchi e pimpinella

È venerdì e quindi…oggi pesce! Ma non necessariamente perché è venerdì! Quando ero piccola in casa mia si rispettava questa tradizione di mangiare di magro il venerdì, una tradizione religiosa, ma che ha anche altre motivazioni, che oggi non so quanto sia rispettata, forse solo nei periodi pre-festivi ma si mangia quanto le festività . Io non riuscivo molto a seguire questa tradizione perché, come ho già detto in altre chiacchiere, non mi piacevano molti cibi e il prosciutto era, anzi doveva assolutamente essere sempre nel frigo, diciamo che sono cresciuta a prosciutto crudo. Poi mia madre amava molto preparare le triglie e, sopratutto per una bimba, non è uno dei pesci più facili, non per il sapore, tutt'altro ma per le spine presenti, era sempre un dramma e finivo per mangiare fette di pane con il sugo in cui venivano cotte.
Oggi pesce per cambiare e perché mi piace, e oggi mangio anche le triglie. E in particolare oggi prepariamo il branzino o spigola, ha un sapore delicato, è come altri pesci è leggero e facilmente digeribile, ricco di proteine e di Omega 3, è semplice da cucinare e da sfilettare dopo la cottura, si può accompagnare con un'insalata o verdure cotte ma anche con un riso Basmati, che può sostituire il pane, e se si cucina il pesce con una leggera salsa questa si può utilizzare per condire il riso . I branzini che normalmente si trovano sui mercati sono d'allevamento, hanno un sapore più delicato ma dipende sempre dal tipo di alimentazione che hanno. Nell'insalata che ho preparato per accompagnare il pesce ho utilizzato la pimpinella, è una pianta erbacea con foglie aromatiche che normalmente si mette nelle insalate, qui nelle Marche diciamo " l'insalata non è bella se non c'è la pimpinella" :) Ed ora al lavoro! :)

Ingredienti

4 branzini da porzione o 2 più grandi
3 cipolle rosse di media grandezza
1 porro
2 teste d'aglio più qualche spicchio
2 dl di vino bianco
il succo di 1 arancia bella sugosa
6 rametti di rosmarino ma puoi abbondare
8 rametti di timo
Olio EVO
sale, pepe nero

Per l'insalata
2 finocchi
abbondanti mirtilli
pimpinella, in sostituzione puoi utilizzare dell'erba cipollina o della rucola
succo di 1/2 arancia
Olio EVO
sale


Fai pulire i branzini, dalle interiora e dalle squame, dalla tua pescheria di fiducia e fai lasciare la testa, taglia le pinne superiori, sciacquali bene e asciugali con della carta assorbente e adagiali in una teglia. Metti all'interno delle pance un pizzico di sale e del pepe macinato. Sbuccia le cipolle rosse, tagliale a metà e ottieni 6 o 8 spicchi da ciascuna cipolla. Riempi la pancia di ogni branzino con un paio di spicchi e un pezzo del porro tagliato a metà nel senso della lunghezza, metti il resto delle cipolle, del porro, le teste d'aglio tagliate a metà con la parte tagliata rivolta verso l'alto, e le erbe aromatiche intorno ai pesci. Ungi la preparazione con l'olio, aggiungi il vino e il succo d'arancia, puoi sostituire con il succo di limone,spolverizza con un poco di sale e una bella macinata di pepe
Fai cuocere in forno riscaldato a 190° per 15 minuti, comunque dipende dalla grandezza dei pesci
Nel frattempo prepara l'insalata, taglia i finocchi a fettine sottili, mettili in una insalatiera e aggiungi i mirtilli e la pimpinella, condisci con il sale, l'olio e il succo d'arancia
Elimina la testa, è la parte più buona se la hai pazienza di prelevare la polpa, togli la pelle e sfiletta il pesce. Suddividi i filetti nei piatti, aggiungi le cipolle, il porro e l'aglio, condisci con il sugo di cottura e completa con l'insalata di finocchi e...
Buon Appetito!





















Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...